• Home
  • TESTA GIULIANO

TESTA GIULIANO

Stabello di Zogno, 9 aprile 2020

Veglia su di noi da lassù. Tua moglie CLAUDIA con MAURIZIO e DANIELA, i fratelli CLAUDIO, ROBERTO, MARIO con rispettive famiglie; cognati, cognate, nipoti e parenti tutti.

Amici e Parenti

Caro Giuliano, qui mancherai a tutti ...agli amici di sempre e a quelli appena conosciuti....ma sopratutto a Claudia ( il tuo piu' grande tesoro ). Grazie per la
Bella favola che mi hai fatto vivere con il tuo matrimonio da me soprannominato ''del secolo''...Ci Manchera' la tua sincerita', il tuo modo di vedere la vita e di affrontare il mondo, la tua serieta' che diventava simpatia all'occorrenza.....A te che amavi cosi tanto viaggiare e' stato imposto all'improvviso questo ultimo viaggio ,senza nemmeno lasciati il tempo di dare un ultimo saluto a tutte le persone a te care...ma voglio rassicurarti che ...seppur molto addolorati per questa tua precipitosa partenza ...portiamo chiusi nei nostri piu' cari ricordi ....la tua immagine ..il tuo sorriso...le tue sagge e rassicuranti parole...Grazie di aver condiviso con noi tutti un pezzo di cammino in questa vita ....veglia per sempre su di noi ....

Sonia Martedì 5 Maggio 2020

Caro Giuliano,
tra poche ore sarà un mese che ti sei trasferito nel giardino più bello.
Ti immagino col tuo sorriso appena accennato, che osservi beatamente i luoghi del tuo cuore.
Da lì potrai sempre vederli.
E noi l viediamo insieme a te.
Ci Manchi

“LA MORTE NON E’ NIENTE” di Henry Scott Holland
La morte non è niente.
Sono solamente passato dall’altra parte:
è come fossi nascosto nella stanza accanto.
Io sono sempre io e tu sei sempre tu.
Quello che eravamo prima l’uno per l’altro lo siamo ancora.
Chiamami con il nome che mi hai sempre dato, che ti è familiare;
parlami nello stesso modo affettuoso che hai sempre usato.
Non cambiare tono di voce, non assumere un’aria solenne o triste.
Continua a ridere di quello che ci faceva ridere,
di quelle piccole cose che tanto ci piacevano
quando eravamo insieme.
Prega, sorridi, pensami!
Il mio nome sia sempre la parola familiare di prima:
pronuncialo senza la minima traccia d’ombra o di tristezza.
La nostra vita conserva tutto il significato che ha sempre avuto:
è la stessa di prima, c’è una continuità che non si spezza.
Perché dovrei essere fuori dai tuoi pensieri e dalla tua mente, solo perché sono fuori dalla tua vista?
Non sono lontano, sono dall’altra parte, proprio dietro l’angolo.
Rassicurati, va tutto bene.
Ritroverai il mio cuore,
ne ritroverai la tenerezza purificata.
Asciuga le tue lacrime e non piangere, se mi ami:
il tuo sorriso è la mia pace.

Luisa Venerdì 8 Maggio 2020