• Home
  • MINUSCOLI MARIO

MINUSCOLI MARIO

Nembro, 17 marzo 2020

Ne danno il triste annuncio la moglie LAURA, i figli ANNA con CESARE, FILIPPO con MONICA, MARIA con ALFREDO, gli adorati nipoti PIETRO, MARTA, ELIA, ROCCO, ELSA e ADELE.

LO STUPORE DELLA POESIA DI UN TRAMONTO

Della cultura Mario Minuscoli aveva fatto una ragione di vita: a dimostrarlo restano soprattutto i risultati raggiunti in campo editoriale. Uomo dai tanti interessi, Mario aveva ben saldi i valori fondanti della vita: l'onestà nei rapporti, la correttezza delle proprie azioni, l'importanza di rispettare gli impegni presi. Aveva una cura particolare per i dettagli e un animo pronto a stupirsi e commuoversi davanti a un tramonto, per l'odore del vento della montagna o il colore dei prati fioriti, per il verso di una poesia. Un uomo che ha coniugato la passione per il suo lavoro ad una grande professionalità. All'inizio della sua carriera ha lavorato alle Edizioni Ares nate nel lontano 1956 per promuovere una cultura di ispirazione cristiana. In quell'ambiente molto stimolante aveva avuto modo di incontrare personaggi del calibro di Eugenio Montale. Nel 1992 Minuscoli approda a Bergamo per collaborare con l'industriale Sancinelli alla pubblicazione della rivista «Il Panteco dedicata all'isola di Pantelleria». Il 1999 è l'anno del suo arrivo a Orobie, il mensile prima edito dalla casa editrice Ferrari di Clusone e quindi dal gruppo editoriale Sesaab: è stato coordinatore editoriale sia di Orobie sia di molte pubblicazioni come “Parchi della Lombardia”, “Crape de legn”, “Passi e valichi della montagna lombarda”. Ma sopra ogni cosa, Mario era un uomo con un forte senso di cura e di protezione verso la sua famiglia: una volta in pensione ha continuato a raccontare quelle storie ambientate in montagna e nei boschi ai suoi sei adorati nipoti, che sono stati la sua ragione di vita.

Amici e Parenti

Resterai sempre nel nostro ricordo e nelle nostre preghiere. Franca e Mimmo

[email protected] Sabato 2 Maggio 2020