• Home
  • LOCATELLI GIAN BATTISTA

LOCATELLI GIAN BATTISTA

Curno - Marigolda, 26 marzo 2020

Con dolore lo annunciano la sorella LILLIANA con LUCIANO, il fratello ANGELO con MARIELLA, i nipoti MAURO, FRANCESCA, FLORIANA e NICOLA e parenti tutti.

motore dell’atletica Curno

L’atletica bergamasca è più sola, Gian Battista Locatelli è volato in cielo. Si è spento all’ospedale di Alzano Lombardo, il presidente dell’Atletica Curno, tra i più longevi club operanti sul nostro territorio. Locatelli, 68 anni, l’aveva visto nascere dalla fondazione (1971, anche se l’affiliazione alla Fidal è avvenuta nel 1980), ricoprendone tutti i ruoli possibili inimmaginabili: sprinter (di discreto livello), allenatore, dirigente e infine presidente. Nonostante della «regina di tutti gli sport» prediligesse l’aspetto sociale (da sempre era in prima linea per l’organizzazione dei Giochi Sportivi Studenteschi) da Curno, storico bacino dell’Atletica Bergamo 59, erano usciti talenti di prospetto: l’ultimo della serie è stato Samuele Rignanese (campione italiano cadetti sugli 80 m nel ’18), giunto dopo i vari Gabriele Segale (110 hs), Monica Roncalli (400 hs) e Sara Sinopoli (400), gente che ha provato l’ebbrezza di un podio tricolore giovanile e non solo. Umile, generoso, laborioso, Gian Battista è stato per anni il motore dello sport di base della cittadina, dove per due mandati è stato anche a capo della polisportiva, di cui attualmente era vicepresidente: tutti i giorni era al campo, dove per una vita è arrivato direttamente dal Banco Ambrosiano, dove aveva lavorato prima della pensione. La sua battaglia contro il Covid-19 durava dall’inizio del mese di marzo e oltre ai fratelli Liliana e Angelo e i suoi quattro nipoti, a piangerlo sono il centinaio tra atleti e dirigenti del suo club: gente che da oggi guiderà idealmente dal cielo, e che ora sono chiamati a portarne avanti lavoro e esempio.

Amici e Parenti