BIANCO DIEGO

Montello, 14 marzo 2020

Lo annunciano con dolore la moglie MARUSKA, il figlio ALESSIO, la mamma e il papà, i fratelli, la sorella, le cognate, la suocera e parenti tutti.

IL RAGAZZO D’ORO DEL 118

Diego Bianco era uno di quelli che hanno fatto della loro vita una missione, spendendola ad aiutare il prossimo. Da sempre volontario della Croce Rossa, dove aveva conosciuto l’amata moglie Maruska, aveva lavorato come conducente di ambulanze alla Casa di Riposo di via Gleno a Bergamo, per poi passare all'allora azienda ospedaliera Bolognini di Seriate e all'ospedale di Treviglio fino al 2013. “Il ragazzo d’oro”- lo chiamavano così- nel 2013 vinse il concorso ed entrò a far parte come tecnico della sala operativa regionale emergenze e urgenze Alpina per il coordinamento degli interventi di Bergamo, Brescia e Sondrio, che ha sede all'ospedale Papa Giovanni. Ma ciò che Diego prediligeva erano i turni sulle ambulanze e, per compensare la voglia di aiutare sul campo, era entrato nella Protezione civile fino a diventare due anni fa capogruppo della sezione di Montello e Costa di Mezzate. Esperto in prevenzione, in grado di coordinare il gruppo, farlo crescere bene con una sua identità, ha speso fino all’ultimo la vita per la sua missione: voleva costituire il COC, il centro operativo comunale nel suo territorio. Diego che con il suo sorriso non si tirava mai indietro, è uno degli insostituibili eroi che hanno consegnato il loro destino per mettere in salvo la vita degli altri. Un grande padre per il piccolo Alessio.

Amici e Parenti

Una persona unica nel suo genere...

Bianco Diego Giovedì 30 Aprile 2020

Ciao Diego, sarai sempre in Soreu Alpina con noi.

Emanuele Rigoli Giovedì 30 Aprile 2020

"Non avvicinarti alla mia tomba piangendo, non ci sono, non dormo li. Io sono come mille venti che soffiano, io sono come un diamante nella neve, splendente, io sono la luce del sole sul grano dorato, io sono la pioggia gentile dell’autunno. Quando ti svegli la mattina tranquilla, sono il canto di uno stormo di uccelli. Io sono anche le stelle che brillano mentre la notte cade sulla tua finestra. Perciò non avvicinarti alla mia tomba piangendo, non ci sono. Io non sono morto."
Cammina sempre al fianco dei tuoi due grandi amori, Alessio e Maruska!

Valeria e Simone Sabato 2 Maggio 2020